Cronoscalata del Reventino (gir. SUD)


Informazioni sulla gara

Gara: Cronoscalata del Reventino (gir. SUD)
Edizione: 15
Descrizione:

----------------------------------------------------------------------------------------------

ESPLORA IL TRACCIATO CON GOOGLE EARTH:

Monte Erice in Google Earth 2012_Reventino.kmz


----------------------------------------------------------------------------------------------

ESPLORA IL TRACCIATO CON GOOGLE STREET VIEW:


Visualizzazione ingrandita della mappa

----------------------------------------------------------------------------------------------

RECORD TRACCIATO:

2' 37" 433 - Simone Faggioli (Osella FA30 - Zytek - 2009)

----------------------------------------------------------------------------------------------

COME ARRIVARE:
(click sulle icone per le indicazioni in Google Maps)

In auto     Dove ti trovi?
 
In aereo Aeroporto Internazionale di Lamezia Terme 16.2 km www.sacal.it
In aereo Aeroporto "S. Anna" - Crotone 93.8 km www.aeroporto.kr.it
In aereo Aeroporto dello Stretto - Reggio Calabria 143 km www.aeroportodellostretto.it
In aereo Aeroporto di Grottaglie - Taranto 294 km www.aeroportidipuglia.it
 
Via mare Porto di Sibari 66.9 km www.marina-sibari.it
Via mare Porto di Gioia Tauro 93.2 km www.portodigioiatauro.it
Via mare Porto di Palmi 97.2 km www.pagineazzurre.it
Via mare Porto di Crotone 109 km www.portodicrotone.it
Via mare Porto di Reggio Calabria 138 km www.pagineazzurre.it
Via mare Porto di Corigliano Calabro 152 km www.pagineazzurre.it
 
In treno Stazione Trenitalia di Lamezia Terme 5 km www.e656.net
     
In auto Provenienza NORD - Rif. Napoli 385 km
In auto Provenienza NORD - Rif. Potenza 301 km
In auto Provenienza NORD - Rif. Cosenza 77.7 km
In auto Provenienza NORD - Rif. Bari 326 km
In auto Provenienza EST - Rif. Catanzaro 40.4 km
In auto Provenienza SUD - Rif. Reggio Calabria 139 km
In auto Provenienza ISOLANI RACING TEAM 745 km
     
Ricettività alberghiera Ricettività alberghiera   www.venere.com

----------------------------------------------------------------------------------------------

CLASSIFICHE GRUPPO GT 2012:
 

   PROVE   1ª 2ª
1.  Ignazio Cannavò  Ferrari F430 Challenge N.P. 3'35"32
2.  Giuseppe Vito Pace  Porsche 996 GT3 4'02"47 3'53"48
         
   GARE   1ª 2ª Somma
1.  Ignazio Cannavò  Ferrari F430 Challenge 3'32"01 3'28"72 7'00"73
2.  Giuseppe Vito Pace  Porsche 996 GT3 3'42"53 3'44"18 7'26"71

----------------------------------------------------------------------------------------------


LA STORIA

Giunta quest'anno alla sua 14ª edizione, la storia della Cronoscalata del Reventino va senza dubbio abbinata a quella della corsa in salita "Nicastro/Passo Acquavona - Coppa città di Nicastro", che ne traccerà la genesi.

Il periodo è quello degli anni d'oro dell'automobilismo sportivo, allora in continua espansione. La città di Nicastro annovera fra i suoi natali piloti illustri passati alla storia delle corse come il Marchese Guido D'Ippolito, forte pilota ufficiale della Squadra Alfa Romeo fine anni venti/inizio anni trenta (quando Direttore Sportivo era Enzo Ferrari) e compagno di squadra di Tazio Nuvolari. Gianfranco Barberio, vice Campione del Mondo Endurance in classe C2 su Alba a metà anni '80, ha disputato in carriera una quindicina di Mondiali Marche. Ignazio Giunti, originario di Sangineto (Cosenza) debuttò giovanissimo proprio con le cronoscalate, per poi passare alla pista dove brillò in Formula 3 e nell'Euroturismo, fino ad approdare alla Formula 1 alla guida di una Ferrari 312 PB della Scuderia Ufficiale Ferrari.
Oltre a questi campioni, in tutta la Calabria l'automobilismo è già uno sport molto seguito e praticato anche da una folta schiera di gentlemen drivers.

Con il patrocinio dell'Automobile Club Catanzaro l' 11 Giugno 1967 va in scena la prima edizione della "competizione automobilistica chiusa di velocità in salita", su di un percorso di 16 km. Centralissima la partenza della 1ª Nicastro/Passo Acquavona - Coppa città di Nicastro, situata presso il Palazzo Comunale di Nicastro. Notevole il dislivello, dai 200 m slm della cittadina calabra fino ai 1050 m del traguardo posto sul passo di Acquavona.
Ottima l'organizzazione, capitanata dal deus ex-machina Battista Foderaro, competente, appassionato e pilota attivo nel karting, creatore fra l'altro del kartodromo di Lamezia Terme dedicato ad Ignazio Giunti.

Il "Lupo della Sila" Domenico Scola interpreta al meglio l'impegnativo tracciato e fa sua la prima edizione, alla guida di un'Abarth 2000 tubolare. Si ripeterà con una fantastica tripletta per altre due edizioni, che vedranno al via anche altri nomi illustri dell'automobilismo calabrese come Ferragina, Aquila, Caratozzolo, Cataldi e altri ancora.

Si susseguono con successo le varie edizioni della Nicastro/Passo Acquavona che cambia fisionomia anno dopo anno arrivando a spostare la partenza fino all'abitato di Platania, attuale traguardo della Cronoscalata del Reventino. Ma a seguito di un grave incidente nel corso dell'edizione 1983 la corsa viene sospesa e la sua storia sembra destinata a concludersi definitivamente.

Passa più di un decennio e grazie al gruppo di appassionati locali del Racing Team Lamezia la storia può invece riprendere con la 1ª Cronoscalata del Reventino. Siamo oramai nel 1999 e il tracciato di 7.2 km in manche unica riprende solo in parte il percorso originale, con arrivo anticipato al bivio Platania. Rolando Scalise ed il pilota Enzo Rizzo sono i principali fautori del ritorno dell'evento, iscritto a calendario per il 25 Luglio come gara "nazionale". Il primo vincitore è il siciliano Andrea Raiti su Osella PA/20 S con il tempo di 3'32"92. Raiti si ripete nel 2000 abbassando lievemente il suo record a 3'32"08.

Nel 2001 la partenza viene spostata presso l'abitato di Magolà, accorciando il percorso a 6 km da ripetere in 2 manches. Continua il dominio di Andrea Raiti che si aggiudica la vittoria finale, stabilendo nella prima manche di gara il nuovo tempo di riferimento: 3'00"26. Nel 2002 promozione a Coppa Italia e poker di vittorie per Raiti che abbatte il muro dei tre minuti con un 2'57"11 in prima manche. Giovanni Cassibba interrompe l'egemonia di Raiti aggiudicandosi l'edizione 2003. L'espansione "tricolore" continua nel 2004, quando la gara viene inserita nel Trofeo Italiano Velocità Montagna. Ad imporsi è il veneto Andrea De Biasi che con la sua Osella PA/20 S - BMW segna anche il nuovo record: 2'55"31.

Nel 2005 la Cronoscalata del Reventino è inserita per la prima volta nella massima serie nazionale: il Campionato Italiano Velocità Montagna. Il trofeo rimane in Veneto con la vittoria di Denny Zardo mentre nel 2006 ad imporsi è il giovane Carmelo Scaramozzino che nella prima manche di gara con la sua Breda - BMW abbassa anche il nuovo record a 2'52"41.

L'ottima organizzazione e la tecnicità del percorso garantiscono alla Cronoscalata del Reventino la titolazione 2007 per il FIA European Challenge. La gara torna in mano ad un driver calabrese: Rosario Iaquinta che si aggiudica la vittoria nel Challenge Europeo e nella classifica CIVM, ritoccando anche il record assoluto nella prima manche di gara: 2'50"248. È l'anno del debutto nelle salite tricolori delle vetture monoposto formula e il pilota di Castrovillari si impone alla guida della sua Lola Zytec F3000, regolando a quasi 5" nella somma delle due manche Faggioli, che con la sua Osella Pa/21 - Honda si impone nella classifica scratch per il TIVM.
Simone Faggioli si prende la rivincita nel 2008 al volante della supercompetitiva Osella PA/27 motorizzata BMW, vincendo l'assoluta FIA e CIVM e demolendo il record di Iaquinta con uno strepitoso 2'44"932 in prima manche. Il campione toscano replica l'anno successivo con la nuova Osella FA/30 - Zytek, nuova "doppia" vittoria e nuovo record a 2'37"433, completando il suo tris vincente nel 2010 con la vittoria nella classifica CIVM, mentre Carmelo Scaramozzino si impone nella classifica per il FIA Challenge.

A causa del turnover fra le varie cronoscalate italiane, l'edizione 2011 è valida solamente per il TIVM e la Cronoscalata del Reventino cede l'appuntamento calabrese alla Salita della Sila. Ad imporsi è il veneto Denny Zardo, alla guida della piccola Gloria C8P.

Tralasciando i primi anni della Nicastro/Passo Acquavona, la speciale classifica "Albo d'Oro" della Cronoscalata del Reventino vede al comando Andrea Raiti assieme a Simone Faggioli, con 4 vittorie assolute a testa. Secondo gradino del podio condiviso invece fra Denny Zardo e Carmelo Scaramozzino con 2 primi posti ciascuno.

Dal 2009 saldamente nelle mani di Simone Faggioli e della sua Osella FA 30 - Zytek il record del tracciato, ritoccato quest'anno in 2'37"18.

----------------------------------------------------------------------------------------------

CLASSIFICHE 2011 GRUPPO GT:
 

   PROVE   1ª 2ª
1.        
2.        
3.        
4.        
         
   GARE   1ª 2ª Somma
1.  Serafino La Delfa  Porsche 997 3'39"90 3'29"67 6'59"57
2.  Ivan Cristian Fava  Ferrari F360 Challenge 3'45"20 3'36"18 7'21"38
3.  Vito Giuseppe Pace  Porsche 996 GT3 3'46"22 3'44"72 7'30"44
4.  Paolo Gerami  Ferrari F430 Challenge 4'01"06 3'58"31 7'59"37

----------------------------------------------------------------------------------------------

Inizio: 03-08-2013
Fine: 04-08-2013
Località: Lamezia Terme (CZ), Lamezia Terme (CZ), Calabria
Tipologia evento: Gara
Pagina Facebook: http://www.facebook.com/groups/50951575921
Link al sito: http://www.cronoreventino.it
Record del tracciato: 2:37:18 - Simone Faggioli, Osella FA30 (2012)

Video del tracciato onboard